REDbold, fascino e tanta personalità.

Sarò io che sono fortunata ma incontro solo persone davvero interessanti oltre che bravissime!
La mia nuova ospite è Rosa Elena di REDbold, mi sono innamorata dei suoi accessori e gioielli perchè rappresentano delle contraddizioni, hanno in sè qualcosa di unico e davvero mai banale.

Ma ascoltiamo dalle sue parole:


 

 

 

 

Parlaci un po' di te

Sono una designer, specializzata in prodotti industriali e comunicazione visiva. Attualmente Ho 32 anni e vivo in calabria. Sono un tipo molto curioso e intellettualmente molto vivace. Se qualcosa attira la mia attenzione devo subito informarmi, conoscere, sapere...la curiosità mi spinge anche nel lavoro a sperimentare cose nuove. Molti dicono che sono prepotente, testarda e altre cose brutte. ahahah . Io lo dico sempre che sono dei gemelli...

 

Nei tuoi gioielli trovo qualcosa di veramente interessante, un'unione tra la trasparenza della resina come elemento acqua o aria e il metallo di cose che hanno un uso completamente diverso nella quotidianità, un elemento metallo. Da cosa deriva questa unione?

Amo le cose comuni e con poco valore, quelle sottovalutate, come la minuteria da ferramenta in cui intravedo il fascino della forza e della compostezza formale. Mi piace cambiare la sua destinazione d'uso senza modificarla. Mi piace come acquisisce bellezza e stupisce velandosi di un leggero gusto di pericolo e audacia. La resina trasparente, poi, è come uno scrigno. Crea delle forme pure e trasparenti quasi invisibili e inesistenti, che invece sono solide, forti e strutturate. Rifrangendo la luce, amplificano qualsiasi cosa sia all'interno e creano un luccichio che ha sapore di lusso.

Insieme questi due elementi diventano seducenti e bold, ovvero audaci, spavaldi al limite dell'ostentazione, che cerco sempre di mitigare con un po' gusto e pulizia formale.

 

Parlaci della tecnica che usi, per me è abbastanza oscura, non ne so molto e mi piacerebbe saperne di più!

La tecnica che uso è semplice e ,in parte, oscura anche per me... C'è sempre qualcosa da imparare sui comportamenti dei materiali che salta fuori con la pratica. Non sono un'artista ma un creativo. Sono molto lontana dalle strabilianti abilità manuali degli artisti e dalla propensione a plasmare la materia o dalle conoscenze artigiane. Per curiosità vagando in rete mi sono imbattuta in questo processo di produzione artigianale. Così mi sono subito venute in mente cose fantastiche che avrei potuto autoprodurmi. Ed eccoci qua.

Definirei la tecnica artigianale per produzioni in piccola serie o meglio semi industriale. Ho imparato "fai da te" i rudimentali. Sintetizzando, realizzi un modello o prendi un oggetto che vorresti replicare. Crei uno stampo, io li realizzo in silicone. Casti la resina nello stampo asciutto e solido. Attendi. Et voilà! Poi intervieni a mano per eventuali modifiche. E poi infine lo rifinisci sempre a mano levigandolo e lucidandolo. È un processo lungo, che ha bisogno di pazienza e cura ma assolutamente semplice. La differenza nei prodotti è fatta soprattutto dal genio, dalla qualità dei materiali e dall'accuratezza nelle rifiniture.

A cosa si ispirano le tue creazioni?

Attualmente la mia produzione è un'estensione di cosa mi piace, di cosa vorrei possedere, di cosa vorrei indossare. Gli imput mi arrivano in toto dalle cose che sostanzialmente mi appassionano...non so, i miei interessi passano dalla musica elettronica, agli horror, all'arte pop e surrealista, dai videogiochi di ruolo agli oggetti appariscenti o alle geometrie dalle linee pure... Solitamente tendo a mixare questi imput a seconda del mio umore, per cui ne risulta una convivenza di stili eterogenei. Che peso ha la grafica nella creazione dei tuoi gioielli? Design (inteso come intero processo di ideazione e progettazione finalizzata alla concretizzazione di un pensiero/idea) e grafica, o meglio comunicazione visiva, fanno parte della stessa visione globale di progetto, si intersecano nel processo creativo esprimendo in modo completo la visione del designer. Ha un ruolo fondamentale la comunicazione del prodotto: cosa rappresenta, come appare, come si pongono i segni di una creazione, le linee e l'influenza delle reciproche forme, i colori, la percezione e le sensazioni suscitate. Nella grafica e nel design prediligo i segni segni forti e geometrici, composizioni pulite e chiare... e questi imput si esprimono nella mia visione geometrica degli oggetti.

Come definiresti il tuo stile?
Eclettico e audace.

C'è un lavoro a cui sei particolarmente legata?
Il bracciale con le mine. L'ho pensato e voluto e questo mi ha spinto all'autoproduzione.

Tu sei una persona che incuriosisce molto perchè, come i tuoi gioielli da te traspaiono elementi contrastanti, sei un po' come alcuni di loro, trasparente e morbida ma con un'anima pungente e solida?
Si, mi ritrovo molto in questo contrasto... In generale "le contraddizioni mi contraddistinguono". Anche se nella mia contraddittorietà penso di essere una persona molto coerente.

Tu vivi vicino al mare, che rapporto hai con esso?
Vivo sul mare. Non credo che influenzi direttamente i miei lavori. Mi piace andarci in periodi in cui non c'è nessuno, mi da molta tranquillità ma allo stesso tempo incute un senso sottile di timore... Una cosa incontrollabile di cui non vedi mai la fine, che non sai cosa nasconde. Adoro i temporali sul mare o fare il bagno quando piove. Però ecco, nei miei lavori, ancora non c'è... ma può essere un argomento su cui sperimentare!

La città che ami di più?

Torno sempre molto volentieri a Barcellona.

Come si chiama il tuo gatto?

La mia gatta si chiamava già Nerina. Invidio tantissimo la vita che fà! Mangia, dorme e tutto il giorno!

Film o serie TV preferita?
Probabilmente Constantine il mio film preferito. Tra i miei telefilm preferiti, indubbiamente Dexter, American Horror Story, Supernatural, The Killing, The Knick.

Se potessi definirti con una frase o una citazione?

La mente è potente e voi siete indistruttibili.

Segno zodiacale?

 

Gemelli

 

 

Un viaggio che vorresti fare assolutamente?

 

Vorrei andare ovunque, basta andare. Sicuramente le mete che mi affascinano di più sono Giappone e America.

 


La giornata perfetta?

 

La giornata ideale dipende dal clima e dall'umore. A volte non ho voglia di fare niente e vorrei passare tutto la giornata a letto sotto il piumone. Altre volte trovo perfetto uscire tutto il giorno, fare shopping, mangiare in giro, andare per mostre e feste fino al mattino dopo. Comunque tutte le giornate ideali iniziano con la sveglia sul tardi. Già quello rende la giornata ideale!

 

 

Un luogo a cui sei particolarmente legata?

 

Non ho luoghi del cuore, anzi mi sento sempre con il piede e la valigia pronta. Però sicuramente nessun posto è come casa.

 

 

Colore preferito da indossare?

 

Il nero indubbiamente, lo sento mio. Poi snellisce, che è sempre fondamentale.

 

 

Piatto preferito?

Ah non saprei. Sicuramente non so dire di no alla pizza o ad un tortino di cioccolato!

Rosa Elena mi hai conquistata, sei piena di sfaccettature e di sorprese proprio come le tue magnifiche creazioni.

Per saperne di più:

la pagina Facebook: REDbold

 

e per acquistare le stupede creazioni di Rosa Elena il negozio Etsy:

REDbold